post

Capolavoro Dinamo: sconfitta Molfetta allo scadere

“La vittoria del gruppo!!!”. Con queste parole il play brindisino Francesco Bove, ha commentato, nel post partita, la strepitosa vittoria della Dinamo Brindisi sulla Pall. Molfetta per 67-66 grazie ad una sua tripla a 3 secondi dallo scadere del tempo regolamentare. Una vittoria soffertissima che premia i ragazzi di coach Santini per una fantastica rimonta negli ultimi 10 minuti di gioco quando, la Limongelli Brindisi, era sotto di ben 17 lunghezze (42-59). Un successo dal peso specifico enorme perché oltre a regalare alla Dinamo la prima vittoria in questi play off dopo 2 sconfitte (l’ultima di soli 2 punti contro la Fortitudo Trani) arriva contro una Pavimaro Molfetta molto forte e compatta e che aveva vinto, nel posticipo della seconda giornata, in maniera netta e autoritaria.

Il PalaZumbo, anche in questa occasione, è sembrato insufficiente per contenere i tantissimi tifosi accorsi. Tra questi, quasi un centinaio di supporters ospiti, gli ultras della VL Pesaro, gemellati con la Curva Sud del Palapentassuglia e venuti a tifare Dinamo e il giocatore della Happy Casa Brindisi Marco Giuri.
La Dinamo Basket Brindisi parte con il piede giusto mettendo da subito il naso avanti nel punteggio; dopo 4° la tripla di Walter Masi regala il +7 (11-4) ma la risposta dei viaggianti è affidata al pivot croato Granic che, con 11 punti nel periodo, tiene botta agli attacchi dei padroni di casa. Una tripla del veterano Maggi regala il primo vantaggio ai suoi compagni sul 15-17 e sarà lo stesso giocatore, con un tiro da 8 metri a fil di sirena, a mandare le squadre al primo riposo sul 19-23.

Nel secondo periodo gli ospiti allungano nel punteggio grazie alla zona dispari ordinata da coach Ragno, mentre Grimaldi, da sotto porta il punteggio sul 21-28. Coach Santini chiama un minuto di sospensione per organizzare meglio i giochi dei suoi e il lituano Mikalauskas comincia a far sentire il peso della sua stazza. Longo, al nono, accorcia le distanze a 1 solo possesso (31-33) mentre Liso, dalla lunetta , realizza 2 liberi e manda tutti al riposo lungo sul 31-35.

La Pall. Molfetta, orfana ieri del pivot Leoncavallo, esce più aggressiva e concentrata dagli spogliatoi. Granic, dopo un rimbalzo, porta il vantaggio in doppia cifra (32-44) mentre i brindisini provano a rispondere con il solito Mikalauskas (21 punti e 14 rimbalzi a fine gara). L’attacco dei baresi viene corroborato da veloci transizioni che si trasformano in rapidi contropiedi e la tripla nell’ultimo minuto di Grimaldi porta a 17 il divario tra le 2 squadre (42-59) con un solo quarto da disputare.

Coach Santini, a questo punto, dopo aver catechizzato a dovere i suoi, schiera un quintetto più aggressivo con Ruggiero dietro e De Giorgi prima e Fusco poi a mettere pressione sui portatori di palla. La partita diventa più intensa e vivace con i tifosi locali a spingere i propri beniamini. Un contropiede e schiacciata del lettone Upe riduce a 11 punti lo svantaggio (48-59) e coach Ragno, capendo che l’inerzia sta cambiando, chiama un immediato time out. Il croato Peraica, da 3 punti, ricaccia indietro la Dinamo al 3° (48-62)inconsapevole che quello sarebbe stato l’ultimo canestro dal campo per i suoi. Il solito Mikalauskas fa la voce grossa e segna da sotto misura (58-64 al sesto minuto) prima che, insieme, a Granic, vengono mandati anzi tempo dagli arbitri negli spogliatoi per una doppia espulsione. A poco più di 2 minuti dalla fine Stefano Fusco regala la tripla della speranza (63-64) ma ancora non basta. Binetti ne segna 1 dalla linea della carità cosi come Ruggiero dall’altra parte (64-66). Peraica, a 22 secondi dalla fine, sbaglia un tiro per i suoi e il pallone viene conquistato dal play Bove (9 rimbalzi difensivi per lui). A 6 secondi dal termine (punteggio fissato sul 64-66) coach Santini disegna uno schema; rimessa per Ferrienti che finta il tiro, consegna palla a Bove a piazza un blocco. Lo stesso palleggia, carica il tiro e, seppur marcato, viene premiato dagli dei del basket che accolgono la sua preghiera. E vittoria per 67-66 con il PalaZumbo che esplode letteralmente con i tifosi che esultano sugli spalti per una vittoria voluta fortemente e che rilancia le ambizioni della Dinamo Basket Brindisi.

Una bella soddisfazione per tutta la squadra che ha creduto, con un grande atteggiamento nel finale, alla possibilità di regalarsi una vittoria prestigiosa e di sostanza. Un ultimo periodo da 25- 7 che dimostra la feroce volontà di credere nella vittoria e la solidità di questo gruppo.

E sabato sarà nuovamente derby; la Dinamo Brindisi, infatti, farà visita alla Invicta Brindisi per un partita di play off molto bella e suggestiva. Sarà come sempre un incontro incerto dove nessuno vorrà mollare la posta in palio. Per l’Invicta provare a mettere il primo sigillo in questa poule promozione, per la Dinamo continuare a dare seguito alla bella vittoria appena conquistata.

Limongelli Dinamo Basket Brindisi – Pavimaro Pall. Molfetta 67-66 (19-23, 12-12, 11-24, 25-7)

Dinamo Brindisi : Mikalauskas 21, Ferrienti 8, Bove 9, Masi 9, Ruggiero 1, Dario 0, Longo 4, Upe 8, De Giorgi 2, Fusco 5. All. Santini

Pall. Molfetta : Totagiancastro 2, Azzolini 0, Spadavecchia 0, Peraica 11, Altamura 3, Binetti 1, Grimmaldi 12, Liso 7, Granic 18, Maggi 12. All. Ragno

Arbitri: Perrone di Taranto e Capobianco di Pulsano (Ta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *