Lasciatecelo dire: questa promozione ce la siamo proprio guadagnata! Un anno intero di sacrifici, di paure, di ansie, il Covid che ci ha colpito durante la stagione e tante incredibili disavventure come l’infortunio di Antonio Caloia a poche ore da gara 2 di finale che avrebbe ammazzato pure un orso.

Ed invece il gruppo, la voglia di vincere, il piacere di stare insieme ci ha fatto superare ogni tipo di ostacolo, come la sconfitta di Lucera che ha sancito di non poter essere promossi in C Gold solo per la differenza canestri. Ma si sa il lavoro paga sempre ed allora tutti, dal Presidente in giù, ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo profuso uno sforzo che si è trasformata in energia a pacchi che ci ha consentito di non mollare mai, a partire dai quarti di finale playoff giocati contro Carovigno per proseguire nella semifinale vinta dopo tantissima sofferenza, solamente a gara 3, contro l’Academy Nardò.

Poi è arrivata la finale contro la temibile AP Monopoli che – ma non avevamo dubbi – aveva la nostra stessa voglia di portarsi a casa la serie ed essere promossa al piano superiore. In gara 1 il PalaZumbo è stata una bolgia infernale con i nostri encomiabili tifosi che ci hanno sostenuto per tutto il match che ci visti uscire vittoriosi dalla contesa.

Poi è arrivata gara 2, nel palazzetto di Monopoli dove oltre 200 tifosi ci hanno raggiunto per sostenerci.  Non siamo partiti benissimo con i locali che hanno da subito inserito le marce alte e portato facilmente il vantaggio in doppia cifra. Nel secondo periodo il divario è arrivato sino a 21 lunghezze (42-21) tra l’incredulità dei nostri tifosi che però hanno continuato a sostenerci. I ragazzi in campo hanno capito che non si poteva tradire la passione ed i sacrifici di una società che non ci ha mai fatto mancare nulla ed allora è partita la rimonta fatta di cuore e tanto ardore agonistico. Siamo riusciti a chiudere lo svantaggio alla fine del terzo quarto con il canestro di Martino che è valso il 57 pari. Poi l’apoteosi negli ultimi 10 minuti quando l’intensità difensiva di capitan Rollo e compagni ha fatto la differenza anche perché bisognava sopperire all’assenza di Staselis, espulso nel periodo precedente, insieme a Brunetti del Monopoli. Sono stati momenti emozionanti con le squadre stanche ma desiderose di superarsi nel punteggio. I ragazzi della Dinamo però ne avevano un po’ di più ed abbiamo concesso solo una tripla nel periodo finale contro i nostri 15 punti.

Poi il tripudio, la festa con i tifosi e le lacrime di tanti di noi. Siamo in tanti, siamo unti, siamo un gruppo davvero speciale e di questo ne siamo orgogliosi.

Concludiamo una stagione con 29 vittorie e sole 4 sconfitte tra campionato e playoff che danno l’idea dell’ottimo lavoro svolto. Riportiamo la serie C Gold a Brindisi, mancava dagli anni 90 (allora si chiamava C1).

Dedichiamo questa promozione alla città, ai nostri tifosi, agli sponsor che ogni anno diventano sempre più numerosi e ci aiutano ad allestire squadre di primo livello.

Continueremo nel nostro cammino fatto di piccoli passi con la passione di sempre e con la voglia, anche nella prossima stagione, di lottare sempre e comunque su ogni campo di pallacanestro.

Bricocasa AP monopoli – Limongelli Dinamo Basket Brindisi 60-72 (30-17, 15-21, 12-19, 3-15)

AP Monopoli: Torres 0, Loprieno 1, Bruni 2, Manchisi 5, Lasorte 13, Lamanna 14, Rodriguez 2, Olocco 8, Brunetti 15, Vacca 0. All. Romano

Dinamo Brindisi: Greco, Staselis 6, Epifani, Pellecchia 8, Rollo, Pulli 10, Caloia 10, Labate 3, Leo 4, Martino 12, Kibildis 19. All. Crisofaro, assis. Capoccia Lozito

Arbitri: De Carlo Francesco di Lequile e Maurizio Ceo di Bari

Ufficio Comunicazione – Limongelli Dinamo Basket Brindisi


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *